L’OSC trova ampie prove di frode / furto da Gerald Cotten e QuadrigaCX

È passato più di un anno dalla scomparsa del popolare exchange canadese, QuadrigaCX. Nonostante questo lasso di tempo, nuove scoperte sono ancora in fase di rilascio intorno alla peculiare catena di eventi che ha visto la scomparsa di 215 milioni di dollari, per un totale che rappresenta le partecipazioni di oltre 75.000 clienti.

Il bene

Mentre le azioni di Gerald Cotten e QuadrigaCX sono, senza dubbio, una rovina per l’industria delle criptovalute, è importante ricordare il vecchio adagio “non dipingere con un pennello largo”.

L’OSC ha, per fortuna, riconosciuto questo e si è preso il tempo per garantire ai lettori che non stiano condannando il settore nel suo insieme, nel loro rapporto.

“La cattiva condotta che abbiamo scoperto in relazione a Quadriga è limitata a Quadriga e non dovrebbe essere intesa come applicabile al settore delle piattaforme di criptovalute nel suo complesso. Condotto correttamente, il trading di criptovalute è una componente legittima e importante dei nostri mercati dei capitali. Rimaniamo impegnati a lavorare con questo settore per promuovere l’innovazione. L’innovazione finanziaria è sempre stata fondamentale per la salute della nostra economia e la competitività dei nostri mercati dei capitali “.

Il cattivo

Adesso passiamo al male. Dopo un’indagine approfondita, l’OSC ha stabilito che QuadrigaCX operava, essenzialmente, come uno schema Ponzi al di sotto di uno “strato di tecnologia moderna”. Si ritiene che questo schema Ponzi sia stato orchestrato dal defunto fondatore di QuadrigaCX, Gerald Cotten.

Inoltre, a causa del modello di custodia utilizzato dall’exchange, l’OSC ritiene che QuadrigaCX abbia violato in modo consistente le leggi sui titoli.

“… per cui Quadriga ha mantenuto la custodia, il controllo e il possesso delle risorse crittografiche dei propri clienti e ha consegnato le risorse ai clienti solo a seguito di una richiesta di prelievo, significava che i diritti dei clienti sulle attività crittografiche detenute da Quadriga costituivano titoli o derivati.”

Fino ad oggi, molti di coloro che sono stati colpiti dalla debacle causata da Cotten sono rimasti fiduciosi che le chiavi smarrite dei suoi portafogli crittografici sarebbero state trovate. Ciò era dovuto alla convinzione che questi portafogli contenessero gran parte dei fondi mancanti. Sfortunatamente, l’OSC ha indicato che questo è un errore. Piuttosto, la stragrande maggioranza dei fondi mancanti era dovuta all’attività commerciale illegale di Cotten.

 “È stato ampiamente ipotizzato che la maggior parte delle perdite degli investitori derivasse dalla perdita o dall’accessibilità delle risorse crittografiche a seguito della morte di Cotten. Nella nostra valutazione, non è stato così. Le prove dimostrano che la maggior parte del deficit di asset di 169 milioni di dollari è dovuto alla condotta fraudolenta di Cotten, che ha assunto diverse forme “.

Se ciò non fosse abbastanza grave, l’OSC ammette che, a causa delle circostanze (bancarotta di QuadrigaCX e morte di Cotten), esiste pochissimo spazio di ricorso.

Ripartizione finanziaria

Nel loro rapporto, l’OSC rileva che circa 215 milioni di dollari sono dovuti ai clienti QuadrigaCX. Forniscono la seguente ripartizione, facendo luce su dove sono finiti i soldi.


  • $ 115 milioni
  • Perso da Gerald Cotten a causa di scambi illegali su QuadrigaCX
  • $ 46 milioni
    • Fondi recuperati, ora in possesso di un fiduciario
    • $ 28 milioni
      • Perso da Gerald Cotten a causa di scambi illegali su borse esterne
      • $ 23 milioni
        • Perdite varie ancora da contabilizzare
        • $ 2 milioni
          • Fondi rubati da Gerald Cotten per finanziare il suo stile di vita
          • $ 1 milione
            • Perdite operative
            • Che si tratti di appropriazione indebita o di scambi illegali, si ritiene che il defunto Gerald Cotten sia direttamente responsabile di circa 145 milioni di dollari persi nei fondi dei clienti.

              Parole di avvertimento

              In tutto il rapporto, l’OSC non usa mezzi termini quando si rivolge a società che operano ancora nel settore blockchain: contatta l’OSC per vedere se la registrazione è richiesta dalle leggi vigenti.

              Notano esplicitamente, in più occasioni, che le leggi sui titoli si applicano in molti casi, anche quando le attività negoziate non sono titoli. Il fattore decisivo dipende dal modo in cui queste risorse vengono gestite dagli scambi.

              “Una piattaforma generalmente non sarebbe soggetta alla legislazione sui titoli se l’asset crittografico sottostante negoziato non è un titolo o un derivato e vi è la consegna immediata di un asset crittografico al cliente dopo una transazione … Al contrario, se una piattaforma mantiene il possesso e controllo delle risorse crittografiche negoziate sulla piattaforma, potrebbe essere applicata la legge sui titoli. “

              Sebbene questa distinzione possa essere piccola, è importante. L’OSC sta implorando gli scambi canadesi di raggiungere e determinare dove rientrano nelle linee guida normative.

               “Gli operatori della piattaforma dovrebbero essere consapevoli del fatto che, a seconda del loro modello di business, potrebbero dover registrarsi presso l’OSC e dovrebbero adottare le misure appropriate per conformarsi alle leggi sui titoli dell’Ontario … Le piattaforme dovrebbero rivedere le loro operazioni per assicurarsi di avere procedure in atto per rischi per i clienti e che stiano divulgando accuratamente le informazioni chiave sulle loro operazioni ai clienti “.

              OSC

              L’Ontario Securities Commission (OSC), è un organismo di regolamentazione, incaricato di garantire mercati equi e trasparenti. Ciò avviene attraverso la creazione e l’applicazione delle leggi sui titoli nella provincia dell’Ontario.

              Il CEO, Grant Vingoe, attualmente sovrintende alle operazioni della società.

              Mike Owergreen Administrator
              Sorry! The Author has not filled his profile.
              follow me
              Like this post? Please share to your friends:
              Adblock
              detector
              map